venerdì 23 gennaio 2009

avanti alziamoci, avanti mettete le vostre mani nelle mie

la leggenda narra, non so fino a che punto in termini reali o, appunto, di leggenda, che pochi giorni dopo l'11 settembre, mentre era in giro nel new jersey, bruce springsteen vide una macchina fermarsi ed un fan urlargli "bruce, abbiamo bisogno di te!".

non so quanto questo sia vero, nè ad oggi importa realmente che lo sia, fatto sta che sta frase bruce l'ha presa di molto sul serio e da quel giorno fino ad oggi, data di uscita del suo nuovo album che ancora non ho ascoltato, ci ha lavorato parecchio.

Perchè io da "the rising" che contiene le parole usate come titolo, ad oggi ci vedo un lungo evidente filo conduttore, che va oltre al continuum musicale e "letterale" che bruce mantiene da 36 anni.

ci vedo un uomo che consapevole della propria importanza prende per mano il suo paese e lo aiuta a "rialzarsi".


da the rising ad oggi siamo passati dall'invocazione e dall'esortazione ("come on rise up!" dice in quell'album verso la fine) attraverso il buio dell'anima e delle menti di devils & dust, dove l'uomo è solo col suo grilletto tra le dita, spinto chissà dove dalla paura (che è "una cosa molto potente"), in un deserto dell'anima dove i valori che bruce ha cantato ed in cui ha creduto da sempre vanno letteralmente "a puttane" (vedasi Reno e l'inconfessabile desiderio di sesso anale e mercenario).


nel mezzo si scende in campo, ci si schiera apertamente, si mette la faccia a favore di qualcuno, ma soprattutto contro qualcun altro.

è il vote for change, la miglior sconfitta che il rock ricordi, una pesante bastonata elettorale che serve però a dimostrare chi c'è, a fare la conta di chi porta avanti ancora certi valori


si è toccato forse il fondo? ecco allora che per "the rising", per rialzarsi, serve guardarsi indietro, serve capire chi siamo e da dove veniamo.


ecco the seeger sessions, l'album meraviglioso in cui bruce scava come mai prima d'ora nella tradizione popolare americana, attraverso un nume tutelare che di certo ai george w della sua epoca tanto comodo non stava, ecco la tradizione che si fa protesta cantata, si fa festa popolare, si fa ballo di piazza.



e poi si ritorna in sella alla vecchia banda e si sfodera la rabbia ed il sarcasmo, in un disco come magic, dove come raramente in passato, bruce usa metafore e ironia, si parla di trucchi, si parla di non credere a quello che si vede e si sente, si parla di peggiori nemici annunciati da campanellini.


e poi, ancor prima che esca il nuovo disco, si chiude il cerchio.


si, perchè bruce sul palco del concerto per obama con pete seeger chiude un cerchio sia per lui, che lo aveva aperto con the rising, sia per il fan che capisce che se c'è bisogno di bruce, bruce c'è, sia per l'eterno e contrastato connubio tra musica e politica.


bruce e seeger su quel palco hanno fatto più di un duetto, hanno portato lassù su quel monte almeno 60 anni di musica americana, di musica politica americana, di folk, di rock, di cultura.

e bruce oggi è il testimone vivente più attendibile di tutto questo cammino, lui che sia da solo con la takamine, con un manipolo di artigiani folk, con i compagni di una vita.

Bruce, più di dylan che certi ruoli li rifiuta da un pezzo, è ormai il portavoce dell'america.


bruce, come disse bono nel presentarlo alla rock'n'roll hall of fame nel 1999, non è il boss, è il proprietario dell'america.


e dopo 4 dischi segnati profondamente dal pesante periodo storico in cui sono stati concepiti, ben venga la preannunciata, ammesso che ci sia, leggerezza pop di workin', ben venga il fischiettare contento manco fosse uno dei 7 nani di ritorno dalla caverna (potrebbe chiamarsi... Suonalo).

bruce il suo l'ha fatto, ha chiesto all'america di dargli le mani, le ha prese e l'ha fatta rialzare.

chi non poteva manco pisciare dove pisciavano i bianchi ora è presidente, che sa quanto bruce abbia fatto per l'america che lo ha votato.

the rising versione gospel ha aperto lo show a washington.


mi piace pensare che il fan che aveva urlato a bruce fosse lì e che gli abbia urlato: GRAZIE.


ed ora ascoltiamo sto album.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Questa tua introduzione invoglia ancora di più all'ascolto del nuovo di Bruce: grazie!

E "Suonalo" è bellissimo!! :D

Owl

Federica/papertilly ha detto...

ti ho aggiunto al mio blog ring....spero di farcela a seguirti.....però è un blog in cui manca qualcosa...non saprei....ah sì....qualche bella ,autentica, imbarazzante faccina!!!!!!!!!!!1

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

good start

il Cala ha detto...

ma chi è l'anonimo che scrive good start????
e necessita di verificare???