giovedì 11 settembre 2008

lunedì 8 settembre 2008

dancing in the park

oggi pomeriggio ho portato mia figlia a giocare al parco.
ora, voi mamme springsteeniane reprimete i sentimenti d'amore nei miei
confronti e non scioglietevi come neve al sole dallo sdilinquio
ora, voi padri springsteeniani non pensate che sia uno stronzo perchè
vi faccio fare brutta figura
state attenti.
da secoli ormai c'è una cosa che accomuna TUTTI i parchi giochi di
TUTTO il mondo, ben prima che la globalizzazione e i mc donalds e le
nike mandassero in merda la nostra civiltà.
le scritte sulle panchine

anna ama luca
luca ama silvia
silvia lo sai, lo sai che luca si buca ancora
inter merda

cose così, che poi si sono strasformate in
anna e luca 3 metri sopra il cielo
luca e silvia 3 metri sopra il cielo
silvia lo sai che luca quando si buca, perchè si buca ancora, si fa un
trip 3 metri sopra il cielo
inter merda
berlusconi merda.

poi però sono arrivati gli acronimi, le abbreviazioni, le frasi di 123
parole che si accorciavano a dismisura come un pisello dentro la neve.
tvb
tat
i love U
slslsclsba (silvia lo sai lo sai che luca si buca ancora)
im (inter merda)
bm (berlusconi merda)

io da ragazzino guardavo sconsolato le panchine e mai, mai, MAI ho
trovato una scritta che dicesse che una anna mi amava, una silvia mi
amava, un luca accortosi di amarmi aveva inziato a farsi di ero.
MAI
così mi è rimasto il vizio di leggere le scritte sulle panchine.
e oggi ho trovato questa:




CHE CAZZO VUOL DIRE???

mercoledì 27 agosto 2008

bentornati a casa!






















allora ci siamo, siamo tornati in champions dopo 2 anni dimmerda.
bene, bravi bis.
non la vinceremo, ovvio, se va proprio bene bene bene la perderemo in finale, ovvio, per la 64° volta.
bene, siamo tornati a casa, sembra che la nottata sia passata.
abbiamo riconquistato la champions con una squadra che secondo me non valeva un 6° posto, ma che ha dimostrato di avere due coglioni quadrati.
e la prossima volta a rimini ci andrò a trovare il mio amico lorenzo, non a vedere la juve.

ora posso copiaincollarvi sta cosa che avevo scritto quando era scoppiata la bufera.
mentre leggete la terzultima riga, immaginatemi mentre faccio di sì con la testa, doveva andare così, così è andata

Sono juventino da sempre.

Sono juventino perché mio papà era juventino.

Perché la passione per il calcio me l’ha passata lui.

Perché quando la juve perdeva la domenica sera o il mercoledì sera a tavola non parlava nessuno.

Perché c’era Platini.

Perché a 7 anni ho fatto una foto con Scirea e Bettega.

Perché dopo atene ho pianto.

Perché la sera dell’heysel mio papà aveva il biglietto per il settore z, ma poi l’ha venduto perché c’erano gli inglesi, che lui odiava.

Perché per non farmi vedere che stava morendo, prima di non essere più in grado di parlare, mio padre mi ha parlato di quanto gli piaceva Ibrahimovic.

Perché si.

E mi chiedo, come dovrei sentirmi?

Incazzato.

Di molto incazzato.

Perché mi hanno preso per il culo.

Per anni.

Ogni volta che mettevo il culo davanti ad un televisore e soffrivo come una bestia, poi godevo, poi soffrivo di nuovo, poi litigavo, poi godevo.

Quando per il primo scudetto di Lippi non riuscivo manco a parlare da tanto ero felice

Quando avevo entrambi i fratelli ansaldi sulle spalle durante juve – ajax.

Quando ho rischiato di volar giù dal terzo anello al gol di zidane in juve – ajax 4-1.

Ma tutto sommato ormai sono più distaccato, se non fosse che mi conoscete, direi che sono più maturo.

Ci scherzo sopra, come faccio su tutto, ci patisco, ma ci scherzo.

Ci sono delle cose che hanno ovviamente un peso maggiore nella mia vita.

Ma sono incazzato + che per me per i miei due nipoti, di 10 ed 11 anni.

Juventini, anche un po’ per “colpa” mia.

Perché mi chiedo se una cosa del genere fosse successa quando io avevo 10/11 anni.

E, non lo direste, ma a 10/11 anni io ero polemico, molto polemico.

Probabilmente mi sarei tappato in casa.

Visto che tornato da scuola uscivo per andare a giocare a pallone con gli amici.

E tornato a casa, fatti i compiti, stavo in camera a giocare a pallone.

Con una pallina di gommapiuma, o con le pedine della dama come giocatori ed un bottone come pallone, perché il subbuteo è arrivato più tardi.

E la prima canzone che volevo è stata la sigla della Domenica Sportiva.

Ed il nome di springsteen l’ho letto per la prima volta sulla gazzetta dello sport.

Ed ancora adesso che sono “più maturo” vado a giocare a pallone, ci siano 30 gradi o 2 sotto zero, nonostante pesi 103 kg, faccia ridere e sia un tronco di legno coi guanti da portiere.

E mi chiedo, ed ora?

Tutto sommato, la serie B è il minimo.

Tutto sommato spero quasi che ci vadano + pesante, perché così si pagherà il giusto e poi si ricomincerà da zero.

E a mia figlia/ai miei figli potrò passare la passione per il mio sport preferito e per la mia squadra del cuore.

E potrò raccontare di esserci passato in mezzo a tutta sta merda, ma di esserci passato a testa alta

Vaffanculo và.

Ciao, Cala









----------------
Now playing: Pearl Jam - 1/2 Full
via FoxyTunes

venerdì 8 agosto 2008

Spiegasioni

è solo il mio ego amici, niente di grave.

uno che pensa cagate, dice cagate, si immagina nuove cagate per far ridere, prima o poi finisce così: apre un blog.

dove metterci tutte le sue cagate.

et voilà.

cosa vi aspetta?

musica tanta, brucespringsteen tanto, pearl jam tanto, polemiche, deliri, racconti, aneddoti.
la cosa divertente è che se state leggendo sto blog mi conoscete e se mi conoscete avrete già letto su qualche forum, mailing list blablabla quello che scriverò anche qui.

se non le avete mai lette non mi conoscete, quindi non state leggendo questo blog, state avendo un incubo, mangiate meno polenta alla sera, specie ora che è agosto belìn.

io sono uno che ogni tanto gli parte in automatico l'aneddoto, se prendo l'abitudine lo piazzo qui.

E sennò sto blog lo chiudo e vaffanculo.

Benvenuti nel mio blog

(Amico del Cala):Oh, Cala, perchè hai aperto un Blog?
(Il Cala): Perchè no?
Benvenuti.