venerdì 10 giugno 2011

10 giugno - this could be the start of something

 There's no controlling the unrolling of your fate my friend
Who knows what's written in the magic book


this could be the start of something - aretha franklin (in person with her quartet)

3 commenti:

fabio ha detto...

Questa volta devo commentare: cala, condivido in tutto e per tutto quello che dici. Tralasciamo pure Voltaire (Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere) e limitiamoci ai fatti. Per il sottoscritto Bennato è venuto prima di tutto, prima di capire ancora cosa fosse il Rock e la passione per il Boss. Avevo otto anni e "Burattino senza fili" mi aprì alla musica. Vero che il rinnegato ha fatto qualche disco di merda (secondo me anche più di tre o quattro) ma questo non ha scalfito quello che per me rimane un GRANDE. Altro che Vasco o Ligabue, Edo è e rimarrà sempre quello di Non farti cadere le braccia, di Un giorno credi e via dicendo. Apprezzo anche la parte politica del tuo intervento, questa sinistra si è specchiata in Berlusca, perdendo gli insegnamenti di Pertini e Berlinguer! Ma, ora come ora, tutto si è appiattito, tutti a inseguire la massa, la moda del momento. Io sono di sinistra (?) ma la cosa che meno sopporto è la sinistra da televisione, quella salottiera che si riempie la bocca di belle parole, gente che si crede superiore perché ha qualche nozione in più di altri, gente che dimentica cosa sia la vita reale e il rispetto. Scusa se mi sono dilungato, ma erano cose che volevo scrivere. Apprezzo sempre più il tuo blog e il tuo pensiero... libero e senza pregiudizi. Il Konte

il Cala ha detto...

ciao fabio, li per lì non ho capito, poi ho visto che hai commentato un post per un altro, ma non c'è problema.
bennato anche per me è stato, cronologicamente palando, il numero 1.
e per quanto mi ripugni l'idea di sedermi a tavola vicino a berlusconi, il fatto che lui lo abbia fatto davvero mi fa sorridere, perchè, a meno che non ci si voglia vedere qualche affiliazione segreta, è davvero un segno di grande libertà mentale.
soprattutto se leggi i commenti isterici di chi lo ha saputo, ma stiamo scherzando???
comunque l'ultimo non è male, lo hai sentito?
ciao, Cala

fabio ha detto...

Sì, l'ho ascoltato, ed è per quello che mi sono sentito in "dovere" di scrivere. Edo è tornato; premetto, non è un "capolavoro assoluto", ma è sicuramente un buon disco. Alcuni brani sono veramente belli (il capo dei briganti su tutti) e l'album scorre piacevolmente, dall'inizio alla fine. Cazzo, in Italia è difficile sentire del buon Rock e questo disco lo è in tutto e per tutto. Se l'avesse inciso il liga o vasco (nulla da eccepire, rispetto tutti gli artisti, ma loro due sono sempre uguali, a me sembra che scimmiottino loro stessi) saremmo qui a leggere grandissime recensioni...
"Sono il capo dei briganti inseguito, braccato.
Ma sono il vero napolitano e quell'altro è un rinnegato"... Grande!!!
p.s. è vero, ho sbagliato link! Ahahah, non importa, zia Aretha è IMMENSA!